In offerta!
IDEA-REGALO-SOLIDALE-ZAINO-FIORI-TEMPERA-MARRONE
IDEA-REGALO-SOLIDALE-ZAINO-FIORI-GAMBO-MARRONE2-CERNIERA-SEMI-APERTAIDEA-REGALO-SOLIDALE-ZAINO-FIORI-GAMBO-MARRONE2-CERNIERA-INTERNOIDEA-REGALO-SOLIDALE-ZAINO-FIORI-GAMBO-MARRONE2-LATOIDEA-REGALO-SOLIDALE-ZAINO-FIORI-GAMBO-MARRONE2-CERNIERA-CHIUSAIDEA-REGALO-SOLIDALE-ZAINO-FIORI-GAMBO-MARRONE2-CERNIERA-APERTA

IDEA REGALO ZAINO FIORI TEMPERA MARRONE

Zaino casual in denim con cerniera sul retro, spallaci regolabili e chiudibili con cerniera. Il rivestimento esterno è in fantasia. La fodera all'interno è diversa.
Ogni pezzo è un pezzo unico realizzato nella sezione femminile del carcere di Bologna.

Misura: 38 x 34 cm

Produttore: Cooperativa sociale ONLUS Siamo-Qua, Bologna

Disponibilità immediata
Tempi di consegna:  2 gg

30,70 25,01
IVA inclusa Disponibile

Descrizione prodotto

Gli zaini di “Gomito a gomito” sono tutti realizzati a mano nella sezione femminile del carcere di Bologna riutilizzando materiali e tessuti donati, nuovi o riciclati. Una seconda opportunità sia per gli oggetti che per le persone, all’insegna della sostenibilità ambientale e umana.
Lo zaino ha la forma classica, struttura in denim dallo stile casual. È multifunzione: adatto per la scuola, per il laptop, per il tempo libero o come borsa zainetto. La cerniera sul retro lo rende sicuro e antifurto. Il rivestimento esterno è in tessuto con fantasie sempre diverse. La fodera interna è diversa rispetto alla struttura e al rivestimento esterno: ecco perchè ogni pezzo è un pezzo unico! Gli spallacci sono regolabili, in denim, e richiudibili con cerniera.

gomitoagomito_logo

Il produttore solidale:

Lo zaino “Fiore Tempera Marrone” è realizzato da: Cooperativa sociale ONLUS Siamo-Qua, di Bologna.
Dal 2010 la Coop Sociale Siamo Qua è promotrice del progetto Gomito a Gomito: il laboratorio sartoriale che opera all’interno della sezione femminile della Casa Circondariale Dozza di Bologna.
Perché questo nome? in via del Gomito si trova il carcere bolognese, e a stretto giro di gomito è la modalità con la quale collabora chi è dentro e chi è fuori: donne recluse, addetti e volontari della cooperativa, insieme per un obiettivo comune. Le detenute sono assunte dalla coop e ricevono uno stipendio: si tratta quindi di un’attività lavorativa reale, con qualche certezza di successo per chi forse in bocca ha già troppo il sapore di fallimento.
Tutti i prodotti confezionati in sartoria sono legati dallo stesso filo conduttore: recuperare, attraverso idee originali e sempre nuove, materiali considerati di scarto, per dare ad essi una seconda vita.

Per saperne di più visita: www.gomitoagomito.com

produttore_solidale_gomitoagomito_bologna